Home » Doppia eclissi di Sole registrata dal telescopio spaziale della NASA

Share This Post

Articoli / Scienza

Doppia eclissi di Sole registrata dal telescopio spaziale della NASA

Doppia eclissi di Sole registrata dal telescopio spaziale della NASA

Osservare un’eclissi di Sole dalla Terra risulta parecchio raro, ma lo è anche se l’osservatore si trovasse nello spazio. Pensate quanto possa essere raro e difficile registrare una “doppia eclissi”.

È ciò che è riuscito ad immortalare il Solar Dynamics Observatory (SDO) della NASA che è riuscito a registrare il passaggio simultaneo della Terra e della Luna tra il Sole e il satellite artificiale. Il Solar Dynamics Observatory fissa costantemente il Sole e per questo è soggetto periodicamente ad eventi strabilianti. Uno tra questi è la frapposizione della Terra tra il telescopio e il Sole che avviene per circa tre settimane, due volte l’anno e una volta al giorno.

Nell’immagine presente nell’articolo è possibile osservare le ombre prodotte sul Sole sia dalla Terra (quella a sinistra più tenue) sia dalla Luna (quella a destra più distinta e marcata). La differenza tra le due ombre è dovuta alla conformazione delle due atmosfere. Sì, non vi preoccupate, so che già qualcuno sta pensando che vi sia un errore in ciò che ho affermato, ma un attimo di pazienza. Per quanto riguarda l’ombra terrestre essa risulta meno chiara poiché la nostra atmosfera assorbe la maggior parte della luce solare. Per quanto riguarda quella lunare, essendo assente, fa sì che la sua ombra risulti più netta. Perché all’inizio è stato scritto “alla diversa conformazione delle due atmosfere”? Poiché quella della Luna non è del tutto assente! È stato da poco scoperto che la sua atmosfera per adesso è quasi nulla, poiché si tratta di un sottile velo di “appena” 10 tonnellate composto da sodio, potassio, ossigeno, azoto, carbonio e magnesio dovuti sia a forme di decadimento di alcuni metalli come la regolite, sia ad eruzioni vulcaniche e sia a masse di detriti sollevate dal terreno e stazionate nell’atmosfera. A causa di questa piccola dimensione si tende a dire che sia assente, ma comunque non è capace di mantenere la luce solare.

La missione SDO della NASA è iniziata nel 2010 e fa parte del programma Living With a Star. Il principale elemento della missione è il telescopio spaziale montato su un satellite che orbita a 35.789 chilometri dalla superficie terrestre e si muove in maniera geosincrona. Il telescopio osserva il Sole 24 ore al giorno e serve per comprendere l’influenza del Sole sulla Terra e sullo spazio vicino al nostro pianeta, studiando l’atmosfera della stella e le diverse interazioni. Ed ecco che ogni tanto si riescono ad osservare anche stupendi spettacoli come la “doppia eclissi” di Sole.

Fonte

Share This Post

Rispondi

Lost Password

Register

[login]